Cesare Salvestroni e Pagine Sì! Una storia pisana

Leggo sul sito ufficiale dell’ANPI la biografia_MG_1233 di Cesare Salvestroni:

“…Simpatizza col movimento di Giustizia e Libertà, contribuisce alla nascita del Partito d’Azione pisano nel fronte antifascista clandestino e dopo l’8 settembre organizza la Resistenza armata nella sua città. Arrestato la prima volta nell’ottobre ’43, è rinchiuso nel carcere di San Matteo e rilasciato dopo dieci giorni. Riprende l’attività cospirativa e, con la costituzione del CNL provinciale, entra nella Giunta militare.
L’11 maggio 1944 una pattuglia della Feldgendarmerie del comando tedesco di Firenze è a Pisa per catturarlo. Salvestroni è arrestato nuovamente e condotto nel carcere fiorentino delle Murate.Tradotto al campo di concentramento di Fossoli, viene destinato al lager di Mauthausen e poi trasferito al sottocampo di Ebensee  [dove morira’, nda]...”

Cesare Salvestroni e’ stato ricordato oggi nella Sala Regia del Comune di Pisa. Pagine Sì! gli ha dedicato la copertina del nuovo elenco di Pisa.

Erano presenti alla conferenza stampa: Marilù Chiofalo (ass. comune Pisa), Sauro Pellerucci (pres. Pagine Sì!), Francesca Prato (ANPI), Muzio Salvestroni (figlio di Cesare), Fabrizio Nieri (resp. vendite Pagine Sì!) e Pier Francesco Quaglietti (resp. stampa Pagine Sì).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...